DOCUMENTO DEL PERCORSO FORMATIVO

3y ago
35 Views
2 Downloads
486.21 KB
10 Pages
Last View : 3d ago
Last Download : 5m ago
Upload by : Aliana Wahl
Transcription

ISTITUTO D'ISTRUZIONE SUPERIORE"FEDERICO II DI SVEVIA"LICEO SCIENTIFICOMELFI (PZ)DOCUMENTO DEL PERCORSO FORMATIVOCLASSE V ALANNO SCOLASTICO 2016/17ILDOCUMENTO È STATO ELABORATO DAL CONSIGLIO DI CLASSE SULLA BASE DELLE LINEEGENERALI STABILITE DAL COLLEGIO DOCENTI, CONTENUTE NEL POF, E SULLA BASE DELL’ART. 5 DELD.P.R. 323 DEL 23/07/1998 E DEL D.P.R. n. 89/2010 E DELLE INDICAZIONI NAZIONALI DI CUI D.I. n. 211/2010Pag.1

INDICE1. Informazioni generali sull’Istituto2. Finalità dell’indirizzo di studio3. Composizione del Consiglio di Classe4. Elenco degli alunni5. Presentazione della classe6. Obiettivi trasversali individuati dal Consiglio di Classe7. Metodologie didattiche8. Mezzi, strumenti e spazi9. Tipologia di verifica10. Attività complementari integrative svolte dalla classe11. Date simulazione prove d’esame12. ValutazioniALLEGATI1. Relazioni Finali2. Programmi delle singole discipline3. Testi delle simulazioni delle prove scritte4. Griglie di valutazionePag.2

1. Informazioni generali sull’IstitutoIl Liceo Scientifico “Federico II di Svevia” nasce come sezione staccata del Liceo di Foggia già nel1948 e ottiene l’autonomia nel 1952. L’Istituto presenta attualmente un’ampia offerta formativa:umanistica con la sezione di Liceo Classico, scientifica con la sezione di Liceo Scientifico,tecnologica con la sezione di Scienze applicate, linguistica con la sezione di Liceo Linguistico,artistica con l’annessa sezione del Liceo artistico “P. Festa Campanile”. Dispone di laboratorimultimediali, lavagne interattive LIM, laboratorio di Fisica, laboratorio di Chimica, laboratorio diBiologia ed Analisi, una grande palestra coperta, un’Aula Magna e una biblioteca.2. Finalità dell’indirizzo di studioIl percorso del liceo linguistico si pone come obiettivo la formazione umana e culturale dei giovanichiamati a essere i cittadini di domani, europei e del mondo, affinché attraverso la conoscenza e lacomprensione delle diverse lingue e culture straniere possano sviluppare una profonda e consapevolecapacità di comunicare, aperta e priva di pregiudizi, nell’ottica di una crescita dei valori comuni e e.L’apprendimento delle lingue si colloca in un contesto di formazione completa, in cui l’aspettoprevalentemente linguistico e letterario – assicurato dall’Italiano, dal Latino e dalle Lingue straniere –non è disgiunto dalla componente scientifico- matematica.Quadro orario caSt.dell’ArteEduc.Fisica1 142433222322 142433222323 1434422222224 1434422222225 143442222222Pag.3

3. Composizione del Consiglio di ClasseDocenteMare DonatoDi Cristo IleniaCoppola GloriaBuonadonna MariaCilenti Maria RosariaLibutti AldoVaccaro GiuseppeOlmo NicolaBufano AnnaMaggio MicheleBonacaro GiovannaMunoz Rosa-MariLombardi RosaSchabad osofia – StoriaIngleseScienze naturaliStoria dell’arteEd. FisicaFranceseSpagnoloFisicaLettrice spagnoloLettrice ingleseLettrice francese4. Elenco degli alunniNumeroCognome e NomeClasse di provenienza01Avigliano VincenzaIV AL02Cappiello Claudia NicoleIV AL03De Cillis LeaIV AL04De Falco MartaIV AL05Ferrara DanielaIV AL06Grosso SerenaIV AL07Marchitiello AntonioV AL08Niglia Lidia TeresaIV AL09Russo VeronicaIV AL10Santomauro ErikaIV AL11Stante AntoniaIV AL12Terlizzi ChiaraIV AL13Traficante ErosIV AL14Tummolo AngelaIV AL15Zaccagnino SeleneIV ALPag.4

5. Presentazione della Classe5.1 Storia della classeStoria della classeLa classe è attualmente costituita da quindici studenti, due maschi e tredici femmine.composizione della classe nel corso del quinquennio è riassunta nella seguente tabella:LaDati ssi Giud.Sosp. gno5142/NonPromossiSettembre/////5.2 Continuità didatticaNel corso del quinquennio la storia della classe è stata segnata dalla discontinuità didatticanell’insegnamento di alcune discipline come risulta dalla tabella seguente.DocenteDisciplinaMare DonatoDi Cristo IleniaCoppola GloriaBuonadonna MariaCilenti Maria RosariaLibutti AldoVaccaro GiuseppeOlmo NicolaBufano AnnaReligioneItalianoMatematicaFilosofia – StoriaIngleseScienze naturaliStoria dell’arteEd. FisicaFranceseMaggio MicheleBonacaro tinuitàdidattica5 anno5 anno4 - 5 anno4 - 5 anno5 annoQuinquennio4 - 5 anno4 - 5 anno2 -3 -4 -5 anno4 - 5 anno4 - 5 annoSupplenti5.3 Profilo della classeLa classe V AL risulta composta da 15 alunni, di cui 13 ragazze e 2 ragazzi.Gli alunni sono disponibili al dialogo e alla collaborazione e si comportano correttamente sia tra di loro che con gliinsegnanti, mostrano un atteggiamento positivo ed una volontà di apprendere e di crescere; difatti seguono con interessel’attività didattica ed appaiono disponibili agli stimoli, mostrando quasi tutti una costruttiva volontà di impegno e diapprendimento.Relativamente ai livelli di partenza delle conoscenze e competenze di base, appare sostanzialmente divisa in tre gruppi.Il primo gruppo è costituito da alunni con buona conoscenza dei prerequisiti di partenza, metodo di studio autonomo epartecipazione attiva al dialogo educativo e studio metodico e razionale; il secondo gruppo è costituito da alunni chepossiedono preparazione di base discreta, partecipazione al dialogo educativo ma non molto assidui nello studio; un terzo,Pag.5

infine, di pochi allievi che hanno fatto registrare risultati sufficienti a causa di qualche lacuna di base e un lavoro nonsempre continuo.Il C.d.C. ha, comunque, sempre cercato di guidare la classe attraverso un dialogo educativo continuo ed aperto allamaturazione della personalità, all’acquisizione di un’autonomia di giudizio ed all’accrescimento della capacità di coglierei molteplici messaggi afferenti la realtà storica e sociale in cui viviamo.I docenti, in vista del colloquio d’esame, hanno invitato gli studenti a scegliere un tema da trattare secondo un percorsopluridisciplinare, attraverso collegamenti ed approfondimenti in base alla propria sensibilità e inclinazione individuale, dasviluppare anche con la collaborazione degli stessi insegnanti.5. 4 Finalità educative conseguitePer quanto riguarda le finalità educative il Consiglio di Classe ha tenuto conto degli indicatori elencati in tabella,conseguendo i risultati sotto azionecon i docentiMotivazioneallo studioCapacitàcomunicativeCapacità di autovalutazioneAcquisizione diautonomia digiudizioCapacità dilavorare in cretoBuonoOttimoXXXXXXXX6.Obiettivi trasversali individuati dal consiglio di classeArea cognitivaa. Acquisire una discreta padronanza della lingua italiana sia nell’esposizione scritta chein quella orale;b. Acquisire competenza nella comprensione dei testi, letterari e non;c. acquisire ed approfondire le conoscenze riguardanti le singole discipline;d. acquisire e sviluppare capacità di osservazione, analisi, riflessione, astrazione logica esintesi;e. acquisire competenza nella discussione disciplinare e pluridisciplinare maturando, adiversi livelli, capacità di valutazione personale;f. sviluppare una ricca concezione dello spazio e del tempo come categorie di letturadella realtà.Area affettivaa. potenziare la volontà di partecipazione alla vita sociale;b. acquisire senso di responsabilità nel modo di agire all’interno della comunità scolastica;c. acquisire disponibilità al confronto e al dialogo;d. acquisire capacità di orientamento rispetto alle future scelte professionali;e. acquisire sensibilità alle sollecitazioni culturali;f. acquisire, sia pure a diversi livelli, capacità di autocritica ed autovalutazione.Pag.6

Area psicomotoriaa. acquisire capacità espressive non verbali;b. valorizzare tutti i metodi tecnici diretti alla pratica operativa;c. acquisire capacità di autocontrollo e stabilità emotiva.Obiettivi Comuni Trasversalia. cogliere problemi anche in chiave pluridisciplinare, individuando nessi e collegamentilogici essenziali;b. percepire in modo critico la realtà dell’ambiente naturale ed umano;c. fare un uso funzionale dei linguaggi;d. utilizzare un adeguato bagaglio terminologico-concettuale7. Metodologie didatticheNell’ambito delle proposte didattico-formative i docenti hanno fatto ricorso a lezioni frontali,integrate da lezioni dialogate e da momenti di discussione moderata dal docente. Sono statesvolti lavori di gruppo e di approfondimento, relazioni e ricerche individuali e di gruppo,visioni di filmati e SpagnoloFilosofia eStoriaMatematicaFisicaScienzeSt. ArteEd. o digruppoDiscussioneGuidataXXXSimulazioni oeserciziguidatiXXXXXXXXXXXXXXXXxXXXXxXX8. Mezzi, strumenti e spaziLibri di traDispense, schemiLIMBibliotecaDettatura di appuntiConferenze / SeminariVisite guidatePag.7

9. Tipologia di verificaGli strumenti adottati per la valutazione sono state le prove scritte ed orali. Le verifiche sono stateeffettuate non solo per accertare i livelli di conseguimento degli obiettivi disciplinari, ma anche perattivare interventi personalizzati per fini e attività e per valorizzare le capacità di ciascuno. Per talemotivo, accanto alle prove tradizionali, sono state affiancate modalità di verifica di varia natura (utilizzando prove scritte anche per le discipline “orali”), sì da consentire periodici e rapidiaccertamenti dei livelli raggiunti dai singoli e dalla classe relativamente a determinati traguardiformativi e didattici.ItalianoIngleseProve Scritte analisi e commento di testoletterario e non trattazione di un tema storico trattazione di un tema generale articolo di giornale, saggiobreveProve Orali interrogazione colloquio approfondimenti interrogazionenote-taking errogazione interrogazionenote-taking interrogazionerisoluzione diproblemiesercizi alla lavagnainterrogazionerisoluz. di problemiesercizi alla lavagnaquesiti a risposta singola emultiplatrattazione sintetica interrogazionirelazioniquesiti a risposta singola emultipla interrogazionicolloquitest a domanda aperta Filosofia e Storia Francese Spagnolo Matematica Fisica Scienze St. ArteEd. Fisica trattazione sintetica degliargomentianalisi di testi letteraritraduzione consecutiva ital-ingle ing-italquesiti a risposta singola emultiplatrattazione sintetica degliargomentianalisi di testi letteraritraduzione consecutiva italfranc e franc-italtrattazione sintetica degliargomentianalisi di testi letteraritraduzione consecutiva italspagn e spagn-italproblemi a soluzione rapidarisoluzione di problemiquesiti a risposta multiplatrattazione sintetica diargomentirisoluz. di problemiProve Pratiche test motoriosservazionesistematicaPag.8

10. Attività complementari integrative svolte dalla classeNel corso del quinquennio la classe ha partecipato ad incontri e iniziative culturali di interesse didattico quali: Attività di orientamento scolastico e professionale con Università pubbliche e private Stages linguistici e gemellaggi Teatro in lingua Certificazioni: Trinity e DELF Festival della filosofia Attività teatrale Partecipazione al Mediashow: allestimento stands linguistici Progetto Accoglienza Attività CLIL11.Date simulazione prove d’esameSono state effettuate e programmate le seguenti simulazioni relative alle prove scritte degli esami distato di cui si allega copia e griglia di valutazione.TIPOLOGIA PROVADATADISCIPLINECOINVOLTEDURATAI prova17 MaggioItaliano6 oreII prova18 MaggioInglese6 oreIII prova11 caSpagnoloFranceseIngleseFilosofia23 Maggio2,5 ore2,5 ore12.VALUTAZIONI12.1 CriteriI docenti ai fini della valutazione utilizzano l’intera scala decimale dei voti da 1 a 10, secondo i criteridi corrispondenza tra voto e livello di preparazione approvati dal Collegio dei Docenti. Nellavalutazione in itinere si utilizzano misurazioni intermedie tra i numeri interi (mezzo voto). LaPag.9

determinazione della media dei voti intermedi e finali per disciplina, non si riduce ad operazionestrettamente aritmetica ma tiene conto di:a) risultati delle varie verifiche;b) progressi registrati rispetto alla situazione di partenza;c) impegno profuso nello studio;d) metodo di studio e lavoroIl presente Documento Finale è stato approvato e deliberato all’unanimità nella seduta del Consigliodi Classe della V AL del 11/05/2017.DocenteDisciplinaMare DonatoReligioneDi Cristo IleniaItalianoCoppola GloriaMatematicaBuonadonna MariaFilosofia – StoriaCilenti Maria RosariaIngleseLibutti AldoScienze naturaliVaccaro GiuseppeStoria dell’arteOlmo NicolaEd. FisicaBufano AnnaFranceseMaggio MicheleSpagnoloBonacaro GiovannaFisicaMunoz Rosa-MariLettrice SpagnoloLombardi RosaLettrice IngleseSchabad StèphanieLettrice FranceseFirmaMelfi, 11 Maggio 2017La CoordinatricePag.10

documento del percorso formativo classe v al anno scolastico 2016/17 i l documento È stato elaborato dal consiglio di classe sulla base delle linee generali stabilite dal collegio docenti, contenute nel pof, e sulla base dell’art. 5 del d.p.r. 323 del 23/07/1998 e del d.p.r. n. 89/2010 e delle indicazioni nazionali di cui d.i. n. 211/2010 .

Related Documents:

DOCUMENTO DEL PERCORSO FORMATIVO CLASSE V AA Liceo Scientifico-Scienze Applicate Coordinatore: prof . Fiorella Patrizia Flavia Castelli . Documento di classe VAA Pagina 2 Sommario PREMESSA 3 Informazioni generali sull’Istituto 3 Finalità dell’indirizzo di studio 3 Composizione del Consiglio di Classe 6 .

DOCUMENTO FINALE DEL PERCORSO FORMATIVO Anno scolastico 2018/2019 Classe V Sez. A Indirizzo: AFM Numero alunni: 24 MATERIE E DOCENTI DEL CONSIGLIO DI CLASSE Materia Docente DIRITTO Prof. Elisa Barro ECONOMIA AZIENDALE Prof. Donatella Buttignol ECONOMIA POLITICA Prof. Elisa Barro FRANCESE Prof. Elena Trevet IRC Prof. Alice Paro INGLESE Prof .

Composizione del Consiglio di Classe Membri interni della Commissione di Esame Scheda informativa della Classe Profilo della Classe Pag.9 C Attività del Consiglio di classe Contenuti, metodi e mezzi del percorso formativo Tempi del percorso formativo Spazi e apparecchiature utilizzate Metodologie didattiche utilizzate

Documento del Consiglio di Classe – classe 5 C – a.s. 2019/2020 I.T.I.S. DOCUMENTO DEL CONSIGLIO DELLA CLASSE V C (art. 17 c.1 D. Lgs. N. 62/2017 – – art. 6 O.M. n. 205 dell’11 marzo 2019) a) Contenuti, metodi, mezzi, spazi e tempi del percorso formativo b) Criteri, strumenti di valutazione adottati c) Obiettivi raggiunti

Elementi costitutivi del Documento Decreto legislativo 62 13/04/2017 art. 17 - comma 1 «Il consiglio di classe elabora, entro il quindici maggio di ciascun anno, un documento che esplicita i contenuti, i metodi, i mezzi, gli spazi e i tempi del percorso formativo, nonché i criteri, gli strumenti di valutazione adottati e gli obiettivi raggiunti.

Omeopatia,Omotossicologia e Discipline Integrate II livello - Riservato agli Allievi che abbiano concluso il 1 Livello del Percorso Formativo Pluriennale. 6 Al termine dell'intero PFP (I, II, III livello) vie- . Linee guida basilari per la stesura di un lavoro scientifico. 10 Modulo n. 10 - videolezione 4 ore

Documento del Consiglio di Classe - 5a Sezione A Indirizzo Informatica a.s. 2019/2020 Pagina 9 di 51 Obiettivi del percorso formativo Gli obiettivi riportati nel seguito sono quelli definiti in base alla programmazione iniziale del Consiglio di Classe: Obiettivi educativi (socio-affettivi e relazionali): 1) saper lavorare in gruppo e collaborare;

WORK PROGRAMME 2014 – 2015 7. Innovation in small and medium-sized enterprises Revised This Work Programme was adopted on 10 December 2013. The parts that relate to 2015 (topics, dates, budget) have, with this revised version, been updated. The changes relating to this revised part are explained on the Participant Portal. (European Commission Decision C (2015)2453 of 17 April 2015) HORIZON .