SCHEDA DATI DI SICUREZZA - Ditta Ferranti Dr. Pietro

3y ago
38 Views
2 Downloads
250.58 KB
18 Pages
Last View : 15d ago
Last Download : 4m ago
Upload by : Averie Goad
Transcription

Conforme al Regolamento CE 1907/2006 (REACH), Allegato II e Regolamento CE 453/2010 ItaliaSCHEDA DATI DI SICUREZZAYaraVita AZOS 300SEZIONE 1: Identificazione della sostanza o della miscelae della società/impresa1.1 Identificatore del prodottoNome prodottoCodice ProdottoTipo di Prodotto:::YaraVita AZOS 300PYPB6Mliquido1.2 Usi pertinenti identificati della sostanza o miscela e usi sconsigliatiUsi identificatiDistribuzione industriale.Uso industriale per formulazione di preparati chimici.Formulazione professionale di prodotti fertilizzanti.Uso professionale come fertilizzante nell'azienda agricola - carico e distribuzione in campo (inclusoil trattamento del terreno).Uso professionale come fertilizzante nelle serre (per esempio fertirrigazione, incluso il controllo delpH delle soluzioni di fertilizzante con acidi).Uso professionale come fertilizzante liquido in campo aperto (per es. fertirrigazione).Uso professionale come fertilizzante - manutenzione delle apparecchiature.Usi da evitareRagione::Altra industria non specificataData la mancanza di esperienza o dati, il fornitore non puòapprovare questo uso.1.3 Informazioni sul fornitore della scheda di dati di sicurezzaYara Italia SpAIndirizzoVia: Via Benigno Crespi 57Codice di Avviamento Postale: 20159Citta': MilanoPaese: ItaliaNumero di telefono: 39 02 754 161Fax no.: 39 02 754 16 201Indirizzo e-mail della persona: Info.italia@yara.comresponsabile della scheda datidi sicurezza1.4 Numero telefonico di emergenzaOrganismo ufficiale di consultazione nazionale/Centro antiveleniNome: Centro Antiveleni Azienda Ospedaliera Niguarda Ca'Granda tel. 02-66101029 24 ore su 24Data di edizione : 03.06.2013Pagina:1/18

YaraVita AZOS 300FornitoreNumero di telefonoOrario di operatività:: 39 02 75416333(24h)SEZIONE 2: Identificazione dei pericoli2.1 Classificazione della sostanza o della miscelaDefinizione del prodotto:MiscelaClassificazione secondo Regolamento CE No.1272/2008 [CLP/GHS]Classificazione:Skin Corr./Irrit.2, H315Eye Dam./Irrit.2, H319Aquatic Chronic3, H412Classificazione a norma della direttiva 1999/45/CE [DPD]Classificazione:R52/53Vedere la sezione 16 per i testi integrali delle Frasi R o delle indicazioni di pericolosummenzionate.Per informazioni più dettagliate sugli effetti per la salute e i sintomi, vedere la Sezione 11.2.2 Elementi dell’etichettaPittogrammi di pericolo:Avvertenza:AttenzioneIndicazioni di pericolo:Provoca grave irritazione oculare.Provoca irritazione cutanea.Nocivo per gli organismi acquatici con effetti di lungadurata.Prevenzione:Non disperdere nell’ambiente. Fare uso di guanti protettivie di un dispositivo di protezione degli occhi.Reazione:Consigli di prudenzaIN CASO DI CONTATTO CON GLI OCCHI: Sciacquareaccuratamente per parecchi minuti. Togliere le eventualilenti a contatto se è agevole farlo. Continuare asciacquare. Se l’irritazione degli occhi persiste: Richiedereassistenza medica.IN CASO DI CONTATTO CON LA PELLE: Lavareabbondantemente con acqua e sapone. In caso diirritazione della pelle: Richiedere assistenza medica.Ingredienti pericolosi:ammoniacaElementi supplementaridell'etichetta:Non applicabile.Regolamento EU (EC) No.:Non applicabile.Data di edizione : 03.06.2013Pagina:2/18

YaraVita AZOS 3001907/2006 (REACH) AllegatoXVII - Restrizioni in materia difabbricazione, immissione sulmercato e uso di talunesostanze, preparati e articolipericolosiObblighi speciali riguardanti l'imballaggioRecipienti che devono esseremuniti di chiusura di sicurezzaper bambiniAvvertimento tattile di pericolo:Non applicabile.:Non applicabile.:Non applicabile.:Non applicabile.:Nessuno.2.3 Altri pericoliLa sostanza risponde ai criteriper la classificazione PBT anorma del regolamento (CE) n.1907/2006, Allegato XIIILa sostanza risponde ai criteriper la classificazione vPvB anorma del regolamento (CE) n.1907/2006, Allegato XIIIAltri pericoli non menzionatinella classificazioneSEZIONE 3: Composizione/informazioni sugli ingredientiSostanza\preparatoNome del prodotto 211948887614CE:215-647-6Numero CAS :1336-21-6Indice:007-001-01-2% 2 3ClassificazioneTipo67/548/CEE Regolamento (CE) n.1272/2008 [CLP]C; R34 N;Skin Corr./Irrit. 1B H314 [1][2]R50 R51/53 STOT SE 3 H335Aquatic Acute 1 H400Aquatic Chronic 2 H411fattori M : 1Tipo[1] Sostanza che presenta un pericolo per la salute o per l'ambiente[2] Sostanza per cui sussistono limiti all'esposizione sul luogo di lavoro[3] La sostanza risponde ai criteri per la classificazione PBT a norma del regolamento (CE) n.1907/2006, Allegato XIII[4] La sostanza risponde ai criteri per la classificazione vPvB a norma del regolamento (CE) n.1907/2006, Allegato XIIIVedere la sezione 16 per i testi integrali delle Frasi R o delle indicazioni di pericolo summenzionate.Non sono presenti ingredienti addizionali che, nelle conoscenze attuali del fornitore e nelleconcentrazoni applicabili, siano classificati come pericolosi per la salute o per l'ambiente e chedebbano quindi essere riportati in questa sezione.I limiti di esposizione occupazionale, se conosciuti, sono elencati in sezione 8.Data di edizione : 03.06.2013Pagina:3/18

YaraVita AZOS 300SEZIONE 4: Misure di primo soccorso4.1 Descrizione delle misure di primo soccorsoContatto con gli occhi:Sciacquare con abbondante acqua corrente. Verificare lapresenza di lenti a contatto e in tal caso, rimuoverle. Consultareun medico.Inalazione:Evitare l'inalazione di vapori, spray e nebulizzazioni. Se inalato,portarsi all'aria aperta. In caso di malessere, consultare unmedico.Contatto con la pelle:Lavare con acqua e sapone. Continuare a sciaquare per almeno10 minuti. Consultare un medico.Ingestione:Sciaquare la bocca con acqua. In caso di ingestione delmateriale, se la persona esposta è cosciente, darle da bereacqua in piccole quantità. Chiedere assistenza medica se glieffetti nocivi alla salute persistono o sono molto gravi.Protezione dei soccorritori:Non dovrà essere intrapresa alcuna azione che implichi qualsiasirischio personale o senza l'addestramento appropriato. Eseguirela respirazione bocca a bocca può essere pericoloso per lapersona che sta prestando aiuto.4.2 Principali sintomi ed effetti, sia acuti e che ritardatiEffetti potenziali acuti sulla saluteContatto con gli occhi:Provoca grave irritazione oculare.Inalazione:L'esposizione ai prodotti di decomposizione può esserepericolosa per la salute. A seguito dell'esposizione si possonoverificare effetti gravi ritardati.Contatto con la pelle:Provoca irritazione cutanea.Ingestione:Irritante per la bocca, la gola e lo stomaco.Segnali/Sintomi di sovraesposizioneContatto con gli occhi: I sintomi negativi possono comprendere i seguenti:dolore o irritazionelacrimazionerossoreInalazione:Nessun dato specifico.Contatto con la pelle:I sintomi negativi possono comprendere i seguenti:dolore o irritazionerossorepuò verificarsi la formazione di vescicheIngestione:Nessun dato specifico.4.3 Indicazione dell’eventuale necessità di consultare immediatamente un medico oppure ditrattamenti specialiNote per il medicoData di edizione : 03.06.2013:Trattare in modo sintomatico. Nel caso i cui siano ingerite oinalate grandi quantità, contattare immediatamente un centroantiveleni. In caso di inalazione di prodotti decomposti in unincendio, i sintomi possono essere ritardati. È possibile che siPagina:4/18

YaraVita AZOS 300debba tenere la persona esposta sotto controllo medico per 48ore.Trattamenti specifici:Nessun trattamento specifico.SEZIONE 5: Misure antincendio5.1 Mezzi di estinzioneMezzi di estinzione idonei:Usare un mezzo di estinzione adatto per l'incendiocircostante.Mezzi di estinzione da evitare:Nessun elemento identificato.5.2 Pericoli speciali derivanti dalla sostanza o dalla miscelaPericoli derivanti dallasostanza o dalla miscela:In caso di incendio o surriscaldamento, si verificherà unaumento della pressione con possibilità di rottura delcontenitore. Questo materiale è nocivo per la vita acquaticacon effetti a lungo termine. L'acqua di spegnimentocontaminata con questo materiale deve essere contenuta e sene deve impedire l'accesso a corsi d'acqua, fognature oscarichi.Prodotti pericolosi dadecomposizione termica:I prodotti della decomposizione possono comprendere imateriali seguenti:anidride carbonicamonossido di carbonioossidi di azotoammoniacaEvitare di respirare polveri, vapori o esalazioni deimateriali in combustione.In caso di inalazione di prodotti decomposti in un incendio,i sintomi possono essere ritardati.5.3 Raccomandazioni per gli addetti all’estinzione degli incendiSpeciali precauzioni per i vigilidel fuoco:Isolare prontamente l'area allontanando tutte le persone dallazona dell'incidente in caso di incendio. Non dovrà essereintrapresa alcuna azione che implichi qualsiasi rischiopersonale o senza l'addestramento appropriato.Speciali mezzi protettivi per ilpersonale antincendio:I pompieri devono indossare equipaggiamento protettivo edun autorespiratore (SCBA) con maschera a pieno facciale sulviso operante a pressione positiva. Gli indumenti per addettiall'estinzione degli incendi (compreso caschi, stivali protettivi eguanti) conformi alla norma europea EN 469 assicurerannouna protezione di livello base per gli incidenti chimici.Informazioni supplementari:Nessuno.SEZIONE 6: Misure in caso di rilascio accidentale6.1 Precauzioni personali, dispositivi di protezione e procedure in caso di emergenzaPer gli operatori dei servizi dinon emergenzaData di edizione : 03.06.2013:Non dovrà essere intrapresa alcuna azione che implichiqualsiasi rischio personale o senza l'addestramentoappropriato. Evacuare le aree circostanti. Impedire l'entrata dipersonale estraneo e non protetto. Non toccare o camminarePagina:5/18

YaraVita AZOS 300sul materiale versato. Evitare di respirare i vapori o le nebbie.Prevedere una ventilazione adeguata. Indossare un appositorespiratore in caso di ventilazione inadeguata. Indossare gliopportuni dispositivi di protezione individuale.Per gli operatori dei servizi diemergenza:Se la gestione della fuoriuscita richiede l'uso di indumentispeciali, tenere presente ogni informazione nella Sezione 8relativa a materiali idonei e non idonei. Vedere anche leinformazioni contenute in "Per gli operatori dei servizi di nonemergenza".6.2 Precauzioni ambientali:Evitare la dispersione ed il deflusso di materialeeventualmente sversato ed il contatto con terreno, corsid'acqua, scarichi e fogne. Informare le autorità pertinenti se ilprodotto ha causato un inquinamento ambientale (fogne, corsid'acqua, terra o aria). Materiale inquinante dell'acqua. Puòessere dannoso all'ambiente se rilasciato in grandi quantità.6.3 Metodi e materiali per il contenimento e per la bonificaPiccola fuoriuscita:Fermare la fuga se non c'è rischio. Spostare i contenitoridall'area del versamento. Diluire con acqua e assorbire seidrosolubile. In alternativa, o se insolubile in acqua, assorbirecon materiale inerte asciutto e smaltire in contenitore per irifiuti appropriato. Smaltire tramite azienda autorizzata allosmaltimento dei rifiuti.Versamento grande:Fermare la fuga se non c'è rischio. Spostare i contenitoridall'area del versamento. Avvicinarsi alla fonte di emissionesopravento. Prevenire la fuoriuscita in sistemi fognari, corsid'acqua, basamenti o zone circoscritte. Lavare e convogliarele quantità sversate in un impianto di trattamento degliscarichi o procedere come segue. Circoscrivere e raccogliereeventuali fuoriuscite con materiale assorbente noncombustibile, come sabbia, terra, vermiculite, diatomite eprovvedere allo smaltimento del prodotto in un contenitore inconformità alla normativa vigente. Smaltire tramite aziendaautorizzata allo smaltimento dei rifiuti. Un materialeassorbente contaminato può provocare lo stesso pericolo delprodotto versato.6.4 Riferimenti ad altre sezioni:Per i numeri telefonici di emergenza, vedere la Sezione 1.Vedere la Sezione 8 per informazioni sugli opportunidispositivi di protezione individuale.Per ulteriori informazioni sul trattamento dei rifiuti, fareriferimento alla Sezione 13.SEZIONE 7: Manipolazione e immagazzinamentoLe informazioni contenute in questa sezione contengono indicazioni e avvertenze generali. Consultarel'elenco degli Usi identificati nella Sezione 1 per informazioni specifiche disponibili fornite nelloscenario o negli scenari di esposizione.7.1 Precauzioni per la manipolazione sicuraMisure protettiveData di edizione : 03.06.2013:Indossare dispositivi di protezione adeguati (vedere Sezione8). Non ingerire. Evitare il contatto con occhi, cute eindumenti. Evitare di respirare i vapori o le nebbie. Nondisperdere nell’ambiente. Conservare nel contenitore originaleo un contenitore alternativo approvato e costituito da unPagina:6/18

YaraVita AZOS 300materiale compatibile, tenuto saldamente chiuso quando nonutilizzato. I contenitori vuoti trattengono dei residui di prodottoe possono essere pericolosi. Non riutilizzare il contenitore.Avvertenze sulle prassigenerali di igiene del lavoro:E' vietato mangiare, bere e fumare nelle aree in cui ilmateriale viene manipolato, conservato o trattato. Le personeche utilizzano il prodotto devono lavarsi mani e viso prima dimangiare, bere e fumare. Togliere gli indumenti contaminati ei dispositivi di protezione prima di accedere alle zone adibite arefettorio. Vedere anche la Sezione 8 per ulteriori informazionisulle misure di igiene.7.2 Condizioni per l’immagazzinamento sicuro, comprese eventuali incompatibilitàAvvertenze:Provvedere allo stoccaggio in conformità alla normativavigente. Conservare nel contenitore originale protetto dallaluce solare diretta in un'area asciutta, fresca e ben ventilata,lontano da altri materiali incompatibili (vedere la sezione 10) eda cibi e bevande. Tenere il contenitore serrato e sigillato finoal momento dell'uso. I contenitori aperti devono essereaccuratamente risigillati e mantenuti dritti per evitarefuoriuscite accidentali del prodotto. Non conservare incontenitori senza etichetta. Prevedere sistemi di contenimentoadeguati per evitare l'inquinamento ambientale. Dotare lestrutture di stoccaggio di opere di contenimento per impedirel'inquinamento del suolo e delle acque in caso di fuoriuscite.Avvertenze:Non disponibile.Soluzioni specifiche delsettore industriale:Non disponibile.7.3 Usi finali specificiSEZIONE 8: Controllo dell’esposizione/protezioneindividualeLe informazioni contenute in questa sezione contengono indicazioni e avvertenze generali. Consultarel'elenco degli Usi identificati nella Sezione 1 per informazioni specifiche disponibili fornite nelloscenario o negli scenari di esposizione.8.1 Parametri di controlloLimiti di esposizione occupazionaleNome del prodotto /ingredienteammoniacaProcedure di monitoraggioconsigliateData di edizione : 03.06.2013Valori limite d'esposizioneEU OEL (2000-06-01)Media ponderata nel tempo (TWA) 14 mg/m3 , 20 ppm Statonaturale: gassosoEU OEL (2000-06-01) Limite all’esposizione nel breve periodo(STEL) 36 mg/m3 , 50 ppm Stato naturale: gassosoMinistero della Salute (2004-03-01) Media ponderata nel tempo(TWA) 14 mg/m3 , 20 ppm Stato naturale: gassosoMinistero della Salute (2004-03-01) Limite all’esposizione nelbreve periodo (STEL) 36 mg/m3 , 50 ppm Stato naturale: gassoso:Se questo prodotto contiene ingredienti con limiti di esposizione,potrebbe essere richiesto il monitoraggio personale,Pagina:7/18

YaraVita AZOS 300dell'atmosfera nell'ambiente di lavoro e biologico perdeterminare l'efficacia della ventilazione o di altre misure dicontrollo e/o la necessità di usare dispositivi di protezionerespiratoria.Fare riferimento alle norme di monitoraggio, come ad esempioalle seguenti:Norma europea EN 689 (Atmosfera nell'ambiente di lavoro Guida alla valutazione dell'esposizione per inalazione acomposti chimici ai fini del confronto con i valori limite estrategia di misurazione)Norma europea EN 14042 (Atmosfere nell'ambiente di lavoro Guida all'applicazione e all'utilizzo di procedimenti per lavalutazione dell'esposizione ad agenti chimici e biologici)Norma europea EN 482 (Atmosfere nell'ambiente di lavoro Requisiti generali per la prestazione di procedure per lamisurazione di agenti chimici)Si dovrà inoltre fare riferimento ai documenti nazionali diorientamento sui metodi per la determinazione delle sostanzepericolose.DNEL/DMELNome delprodotto oneEffettiDNEL6,8 mg/kgbw/giornoLavoratoriSistemicoammoniacaDNEL47,6 mg/m³LavoratoriSistemicoammoniacaDNEL47,6 mg/m³LavoratoriSistemicoammoniacaDNEL36 mg/m³LavoratoriLocaleammoniacaDNEL6,8 mg/kgbw/giornoLavoratoriSistemicoammoniacaDNELA brevetermineCutaneoA brevetermineInalazioneA lungotermineInalazioneA brevetermineInalazioneA lungotermineCutaneoA lungotermineInalazione14 mg/m³LavoratoriLocalePNECNome del prodotto /ingredienteammoniacaTipoDettaglio ambienteValorePNECAcqua fresca0,0011 mg/lammoniacaPNECMarino0,011 mg/lDettagliometodoFattori divalutazioneFattori divalutazione8.2 Controlli dell’esposizioneAppropriati controlliingegneristiciData di edizione : 03.06.2013:Non è richiesta alcuna ventilazione particolare. Una buonaventilazione generale dovrebbe essere sufficiente percontrollare l'esposizione degli operatori ad inquinantiatmosferici. Se questo prodotto contiene ingredienti con limiti diesposizione, eseguire il processo in condizioni di contenimento,usare sistemi di aspirazione localizzata o altri dispositivi diPagina:8/18

YaraVita AZOS 300controllo necessari a mantenere l'esposizione dei lavoratorisotto i limiti raccomandati o imposti dalla legge.Misure di protezione individualiMisure igieniche:Dispositivo di protezione degliocchi e del visoDeve essere presente un impianto di lavaggio odell'acqua per la pulizia di occhi e pelle.:Occhiali di sicurezza conformi agli standard approvatidevono essere usati quando la valutazione di un rischione indica la necessità per evitare esposizione a schizzi diliquidi, spruzzi, gas o polveri. Raccomandato: Occhiali diprotezione che assicurano un perfetto posizionamento sulviso CEN: EN166:Guanti resistenti ad agenti chimici ed impenetrabiliconformi agli standard approvati devono essere sempreusati quando vengono maneggiati prodotti chimici se lavalutazione di un rischio ne indica la necessità. 8 ore (tempo di fessurazione): Guanti: in normalicondizioni d'uso occorre indossare guanti protettivi.,Viton/gomma butileDispositivo di protezione delcorpo:Tuta da lavoro che ricopre completamente il corpo.Altri dispositivi di protezionedella pelle:Scegliere opportune calzature ed eventuali misuresupplementari di protezione della pelle in base all'attivitàche viene svolta e ai rischi insiti. Tali scelte devono essereapprovate da uno specialista prima della manipolazione diquesto prodotto.Protezione respiratoria:In caso di ventilazione insufficiente utilizzare unapparecchio respiratorio. Raccomandato: filtro perammoniaca (Tipo K)Controlli dell'esposizioneambientale:Le emissioni da apparecchiature di ventilazione o daprocessi lavorativi dovrebbero essere controllate perassicurarsi che siano in conformità con le prescrizionidella legislazione sulla protezione ambientale.In alcuni casi, sarà necessario eseguire il lavaggio deifumi, aggiungere filtri o apportare modifiche tecniche alleapparecchiature di processo per ridurre l'emissione alivelli accettabili.Protezione della pelleProtezione delle maniSEZIONE 9: Proprietà fisiche e chimiche9.1 Informazioni sulle proprietà fisiche e chimiche fondamentaliAspettoStato fisicoColoreOdoreSoglia di odorepHPunto di fusione/punto dicongelamentoPunto iniziale di ebollizione eintervallo di ebollizioneData di edizione : 03.06.2013:::::liquidoRosso.ammoniacaleNon determinato.8-9: 0 C:Non determinatoPagina:9/18

YaraVita AZOS 300Punto di infiammabilitàTasso di EvaporazioneInfiammabilità (solidi, gas):::Non determinatoNon determinatoNon infiammabile.Tempo di combustioneVelocità di combustioneLimiti superiore/inferiore diinfiammabilità o esplosivitàPressione di vaporeDensità di vaporeDensità relativa::::::No

SCHEDA DATI DI SICUREZZA YaraVita AZOS 300 SEZIONE 1: Identificazione della sostanza o della miscela . 1.2 Usi pertinenti identificati della sostanza o miscela e usi sconsigliati Usi identificati Distribuzione industriale. Uso industriale per formulazione di preparati chimici. Formulazione professionale di prodotti fertilizzanti.

Related Documents:

1.3 Informazioni sul fornitore della scheda di dati di sicurezza Yara Italia SpA Indirizzo Via : Via Benigno Crespi 57 Codice di Avviamento Postale : 20159 Citta' : Milano Paese : Italia Numero di telefono : 39 02 754 161 Fax no. : 39 02 754 16 201 Indirizzo e-mail della persona responsabile della scheda dati di sicurezza

SCHEDA DI SICUREZZA conforme al regolamento (CE) n 453/2010 Uso Odontoiatrico Data di emissione : 02/03/2006 N. scheda di sicurezza : 39-001.11 - IT Data di revisione : 07/07/2016 N. di revisione : 10 Ultra-Blend Plus . 15.1. Normative/legislazione sulla salute, la sicurezza e l’ambiente specifiche per la sostanza o la miscela

Il prodotto pertanto richiede una scheda dati di sicurezza conforme alle disposizioni del Regolamento (CE) 1907/2006 e successive modifiche. Eventuali informazioni aggiuntive riguardanti i rischi per la salute e/o l'ambiente sono riportate alle sez. 11 e 12 della presente scheda.

Scheda di sicurezza PEROX 02120010 – 02120020 – 02120050 – 02120200 – 02121000/5 Pagina n. 1 di 10 Registrazione Ministero della Salute N 19829 Scheda di sicurezza del 16/3/2020, revisione 5 SEZIONE 1: identificazione della sostanza/miscela e della società/impresa 1.1. Identificatore del prodotto Identificazione della miscela:

Distribuzione industriale. Uso industriale per la formulazione di preparati di prodotti fertilizzanti. Formulazione professionale di prodotti fertilizzanti. . 1.3 Informazioni sul fornitore della scheda di dati di sicurezza Yara Italia SpA Indirizzo Via : Via Benigno Crespi 57

Utilizzazione della Sostanza / del Preparato: Prodotti chimici agrari 1.3 Informazioni sul fornitore della scheda di dati di sicurezza Produttore/Fornitore : SIPCAM ITALIA - VIA VITTORIO VENETO,81 - 26857 SALERANO SUL LAMBRO (LO) TEL: 0371-5961 - FAX 0371-71408 1.4 Numero telefonico di emergenza: Emergency phone: 39 0371 5961 (24/24h)

Pag. 1 di 9 SCHEDA DI DATI DI SICUREZZA . Indossare i dispositivi di protezione per prodotti liquidi: tuta da lavoro, guanti di gomma resistenti ai prodotti chimici, maschera con filtri combinati per polveri e vapori organici, stivali di gomma. . Evitare la distribuzione di polvere nell’ambiente

Por Alfredo López Austin * I. Necesidad conceptual Soy historiador; mi objeto de estudio es el pensamiento de las sociedades de tradición mesoamericana, con énfasis en las antiguas, anteriores al dominio colonial europeo. Como historiador no encuentro que mi trabajo se diferencie del propio del antropólogo; más bien, ignoro si existe alguna conveniencia en establecer un límite entre .